top of page

La Sauna

La sua storia:

La parola sauna è un'antica parola finlandese dalla provienenza non del tutto chiara.

 L’uso della sauna per purificare lo spirito ed il corpo risale ad usanze religiose nate in Tibet circa 5.000 anni fa e si è poi sviluppato nei paesi del nord Europa quali la Finlandia, i Paesi Scandinavi e la Russia.

Per avere una sensazione di maggiore calore veniva prodotto del vapore gettando acqua su

 pietre fatte riscaldare sul fuoco fino a diventare roventi.

Tale accorgimento permetteva di far aumentare la temperatura tanto da consentire alle persone di levarsi gli abiti.

Nelle prime saune le pietre erano riscaldate con un fuoco a legna e il fumo veniva fatto uscire dopo essersi diffuso nella stanza.

Come si pratica?

L’ambiente tipico di una sauna è costituito da un locale rivestito di legno, utilizzato anche per le panche.

La maggior parte degli impianti di sauna funziona a temperature tra gli 80 e i 90 °C.

Per motivi di sicurezza, il calore viene controllato termostaticamente.

All’interno delle cabine vi sono panche di legno poste a differenti altezze: maggiore è l’altezza della panca, più elevata è la temperatura dell’aria.

Una volta abituati alla pratica della sauna e constatato che essa non provoca effetti nocivi sull’organismo.

A seconda delle proprie condizioni fisiche e solo dopo avere consultato un medico, è possibile inoltre svolgere moderati esercizi fisici.

I suoi benefici:

La sauna stimola il sistema neurovegetativo con effetti che passano dal rilassamento psico-fisico al benessere in generale.

Tali effetti possono essere ulteriormente amplificati verso la fine della sauna versando sulle pietre della stufa dell’acqua cui è stata aggiunta una piccola quantità di essenze aromatiche.

L’immediata creazione di vapore che ne segue induce infatti un’accelerazione della circolazione sanguigna che favorisce l’ulteriore eliminazione di una grande quantità di tossine. 

bottom of page